Santuario Santissima Trinità di Vallepietra, il più alto del Lazio

di CHIMERA BOXER
Santuario Santissima Trinità, Vallepietra, Ciociaria, Lazio

Santuario Santissima Trinità di Vallepietra, nel cuore dei Monti Simbruini: un luogo suggestivo, a 1.300 metri di altezza, dove ristorare anima e corpo.

Come arrivare al Santuario Santissima Trinità

In una mattina di luglio ci mettiamo in viaggio per raggiungere il Santuario.
Anche in questo caso, come per il Lago di Canterno, da Roma prendiamo l’Autostrada A1 in direzione Napoli. Usciamo ad Anagni proseguendo poi sulla Via Anticolana/SR155. Stavolta però prendiamo la strada per il Piglio e gli Altipiani di Arcinazzo e da qui verso Vallepietra.
Per raggiungere il Santuario Santissima Trinità non passiamo nel centro di Vallepietra, poiché la strada costeggia il paese e corre lungo il costone della montagna. Giunti sul posto, parcheggiamo l’auto e proseguiamo a piedi.

Il Santuario più alto del Lazio

A 1.373 metri di altezza, si trova al di sotto di una grande parete rocciosa a strapiombo, chiamata Colle della Tagliata, parte del gruppo montuoso del Monte Autore.

Siamo nel cuore del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, al confine tra Lazio e Abruzzo. Dal percorso, parzialmente ombreggiato, godiamo di una spettacolare vista sulla valle sottostante del Simbrivio, affluente dell’Aniene.

La leggenda dei buoi scampati alla morte

Siamo affascinati dai luoghi ricchi di storia e di leggende. Circa l’origine del Santuario Santissima Trinità si narra che un contadino stava arando i campi della Tagliata quando vide i buoi precipitare lungo la rupe. Si affacciò e scoprì che l’aratro era rimasto incastrato tra le rocce. Gli animali, illesi, erano fermi in adorazione dell’immagine della Trinità comparsa improvvisamente all’interno di una grotta.
Altre storie, invece, raccontano che il Santuario sarebbe stato eretto, intorno all’anno 1000, ad opera dei monaci di San Benedetto sulle fondamenta di un antico tempio pagano. Secondo questa fonte, sarebbero stati proprio i monaci a realizzare l’affresco.

La Trinità

L’affresco della Trinità si può ammirare all’interno della chiesetta incastonata nella roccia.
Su un intonaco particolare con filamenti di paglia e fiori, sono rappresentate le “Tre Persone”. Tutte solennemente sedute, ciascuna con un libro aperto, mentre benedicono alla maniera Greca, ovvero con il pollice e l’anulare della mano destra aperti.

Un luogo religioso, ma che vale la pena visitare anche per la bellezza naturalistica che lo caratterizza.

Pellegrinaggio al Santuario Santissima Trinità e “Pianto delle Zitelle”

Da non perdere: il pellegrinaggio che inizia tra il sabato e la domenica dopo la pentecoste durante il quale migliaia di pellegrini, riuniti in “compagnie” e guidate dal caratteristico stendardo, giungono a piedi al Santuario da tutti i comuni del Lazio e dell’Abruzzo.

La domenica mattina il “Pianto delle Zitelle” viene eseguito dalle giovani di Vallepietra vestite di bianco, che piangono il Cristo morto, rievocando le scene della passione.

Informazioni utili

  • A causa della neve e della possibile caduta di rocce, la strada rimane chiusa nel periodo novembre – aprile
  • Il parcheggio del Santuario ha un costo di €3,00

Sito ufficiale del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini

Hai qualche consiglio o suggerimento?
➡️ Lascia un commento ⬅️

Ti è piaciuto l’articolo?
➡️ Condividilo ⬅️️